NOI GIOVANI ABBIAMO IL DIRITTO DI ESSERE LIBERI di Comitato giovanile Liberiamo l’Italia

Per molto tempo noi giovani ci siamo divisi nelle piazze, ma mai come oggi i nostri diritti fondamentali sono effettivamente in pericolo.

Non siamo mai riusciti a mettere realmente in discussione il vero potere: il potere economico/finanziario, che oggi ci asfissia.

Noi giovani di Liberiamo l’Italia chiediamo a tutti gli studenti, lavoratori, disoccupati, ai giovani poveri e a tutti quelli che, nonostante tutto, sono ancora capaci di indignarsi di fronte alle ingiustizie subite dai coetanei dimenticati dalla società, chiediamo di unirci per fare fronte comune.

Ci rivolgiamo a quei giovani che nonostante anni e anni di educazione all’individualismo e alla competizione hanno ancora una coscienza e il senso della collettività.

Destra e centro-sinistra sono due facce della stessa medaglia, due opposti dello stesso sistema.

Il sistema economico neoliberista, la dittatura delle élite finanziarie e delle multinazionali.

A tutti i giovani noi chiediamo di unirci nella lotta, di mettere da parte gli attriti, di fare tutti un passo indietro per farne uno più grande in avanti, insieme.

Ci accomuna che siamo Italiani, viviamo in questa terra sempre più in mano al capitale interno e straniero, governata da personaggi indegni che hanno svenduto l’Italia, promuovono opere come il Tav, che distruggono il nostro territorio ed il nostro futuro.

Cosa ci accomuna?

Che l’Italia è casa nostra, che abbiamo il diritto a non emigrare.

Abbiamo il diritto di rimanere, di crescere qui.

Chi comanda ci vuole divisi e nemici perché sa bene la forza che avremmo uniti.

Quindi, invitiamo tutti singoli e associazioni che condividano i nostri stessi obbiettivi ad unirci in un movimento studentesco e giovanile, che possa attivamente contrastare le misure di questa Unione Europea antidemocratica e antipopolare.

Siamo qui per chiedervi un aiuto, perché abbiamo bisogno di tutti.

Abbiamo bisogno di lavorare insieme, perché la verità è rivoluzionaria:

– Fermiamo il Mes, strumento con i quali l’UE, a dominanza tedesca, impone l’austerità e schiaccia gli stati

– Usciamo dalla gabbia dell’euro, che ha distrutto l’eredità economica di noi giovani cittadini

– Difendiamo gli interessi del popolo lavoratore, abbandonato dallo stato e vittima di soprusi continui

– Riconquistiamo la democrazia, difendendo la Costituzione del 1948, che è frutto della lotta partigiana e dei nostri padri e nonni

-lotta al razzismo e ad ogni forma di discriminazione, soprattutto quelle di matrice neofascista(sempre più frequenti) che è speculare a quella dei padroni

-costruzione di un fronte ambientalista, con caratteristiche popolari e proposte concrete che combutta contro Muos, Tav, Tap ed opere dannose per i cittadini (5G)

-Lotta ad ogni forma di imperialismo, alla Nato e alla costante presenza militare straniera sul nostro suolo. Lotta per il disarmo nucleare e il ritiro dalle “missioni di pace”

Comitato giovanile di Liberiamo l’Italia

Condividi: